Ti aiutiamo a fermare il tempo e a mantenere la bellezza dei tuoi mobili più preziosi.

Trattamenti antitarlo

Dino Gramellini, Presidente di Sochil Verde, ha cominciato ad occuparsi del problema dei tarli del legno nel 1995. Diversi anni fa e per conto dell’Azienda di cui era Direttore Tecnico, gli venne affidato il compito di disinfestare la Chiesa dei Frari di Venezia dove all’interno vengono conservate opere di inestimabile valore artistico dei maggiori Maestri del nostro patrimonio italiano, come Tiziano, Giorgione, Paolo Veneziano e Donatello, solo per citarne alcuni.

Altri esempi di lavori “eccellenti” furono quelli del Museo Egizio di Torino, del Museo della Cavalleria di Pinerolo e gli stessi Uffizi di Firenze.

Sicuri ed efficaci anche con l'impiego di gas inerti (anidride carbonica o azoto).

La tecnica, innovativa per quell’epoca, e lo è ancora oggi, era ed è quella di chiudere i pezzi infestati in speciali “bolle” chiuse ermeticamente (termo saldate) al cui interno viene immesso azoto o anidride carbonica. Dopo un periodo di tempo che varia a seconda della sostanza impiegata e durante il quale viene periodicamente monitorata, la bolla viene aperta e quanto vi è all’interno è completamente libero dai tarli adulti, dalle larve e dalle uova.

Oggi Sochil Verde, filiale di Forlì, impiega questa tecnica RISOLUTIVA e assolutamente scevra dall’uso di biocidi. Questo per piccoli mobili, libri, cornici ecc.
Per lavori di più vaste dimensioni Sochil Verde è in grado di allestire “Bolle” direttamente in loco.