News

19 Mar 2018

RIFLESSIONI DI UNA PSICOLOGA EX VITTIMA DESIGNATA DELLE ZANZARE

Siamo in attesa di….

fa tornare alla mente le attese della nostra infanzia, quelle belle e quelle brutte, quelle magiche del Natale e quelle cariche di ansia e di paura nella sala d’aspetto del dentista. Questa di cui parlo oggi è simile alla seconda ma in questa possiamo intervenire e agire delle cose per far sì che l’attesa non sia solo di eventi negativi.

Dal titolo, chi legge avrà intuito che mi sto riferendo alle ZANZARE.

Siamo alla metà di marzo ’18 e malgrado faccia ancora freddo e Burian2 venga minacciato quasi ogni giorno in TV, la primavera è alle porte e con lei stanno per ritornare anche le zanzare.

Per la verità non se ne sono mai andate, hanno trascorso dormienti questo lungo e strano inverno.

Dobbiamo, possiamo, è obbligatorio fare qualcosa.

Io in fatto di Zanzare ho due GURU dei quali mi fido ciecamente, uno è Dino Gramellini, mio marito, e l’altro è Claudio Venturelli.

Non sto a raccontare chi sono primo perché raccontare i CV è noioso e secondo perché è facilissimo, per chi non li conoscesse, reperire tutte le notizie digitando i loro nomi su Google. Chi lo facesse capirebbe perché non sbaglio quando li definisco Guru.

Entrambi raccomandano la profilassi antilarvale nei tombini ecc. e soprattutto di evitare ogni ristagno d’acqua, ma veramente “ogni”, in quanto anche una sola goccia d’acqua può diventare la nursery di tantissime zanzarine.

Però non basta.

SCARICA TUTTO L'ARTICOLO IN PDF

Documenti